PREVENZIONE ONCOLOGICA COLON E UTERO

Screening del tumore del colon-retto 

I test di screening per la prevenzione del tumore del colon-retto nell'Ambulatorio del Dr. MARCO SURDO sono la Rettoscopia e la richiesta su ricetta dematerializzata per il Test che ricerca il sangue occulto nelle feci (FOBT) prescritta a Tutti i propri pazienti che lo hanno scelto come Medico di Fiducia presso l'ASLCN2 di Alba.
Tutti gli uomini e le donne da 58 anni in poi dovrebbero effettuare almeno una rettoscopia una volta nella vita.
A tutte le persone di età compresa fra i 59 e i 69 anni che non hanno effettuato una sigmoidoscopia  possono richiedere la ricetta dematerializzata al proprio medico curante per il test che ricerca il sangue occulto nelle feci (FOBT) ogni 2 anni. 

Come si esegue la Proctoscopia - Rettoscopia

La proctoscopia è una metodica diagnostica rivolta all’osservazione endoscopica del canale anale (anoscopia) e di quello rettale (rettoscopia). Per tale scopo viene utilizzato uno strumento, noto come rettoscopio o proctoscopio, introdotto previa lubrificazione attraverso l’apertura anale; si tratta essenzialmente di un tubo metallico dotato di un supporto all’apice e di un’ eventuale lente di ingrandimento per osservare al meglio la regione esaminata. Uno strumento simile, ma di lunghezza inferiore, viene utilizzato per lo studio del solo canale anale (anoscopia).

Per permettere un’adeguata visualizzazione delle pareti rettali durante la proctoscopia, è necessario che queste siano adeguatamente pulite. Per questo motivo vengono consegnate al paziente delle precise istruzioni da seguire affinchè l’esame avvenga in maniera idonea.

Per agevolare l’esame delle pareti del retto, si inizia con l’esplorazione rettale,; al paziente viene chiesto di assumere una posizione genu-pettorale oppure la posizione laterale sinistra. Nonostante si tratti di una posizione imbarazzante è importante che venga mantenuta cercando di rimanere immobili. L’inserimento del proctoscopio è preceduto dall’esame visivo dell’apertura anale e dall’esplorazione manuale dell’ano e del retto. Terminato questo esame, viene quindi introdotto delicatamente il rettoscopio previa accurata lubrificazione. Dopo aver raggiunto la profondità desiderata ed aver tolto l’otturatore, lo strumento viene fatto fuoriuscire lentamente e con delicatezza, effettuando dei movimenti circolari, per avere una visione diretta delle pareti rettali ed anali. Spesso viene inoltre insufflata dell’aria per distendere le pareti del retto e renderle più facilmente esplorabili.

 

 

Esecuzione rettoscopia

Screening del tumore del collo dell'utero

Il test per lo screening del tumore del collo dell’utero utilizzato nell'Ambulatorio Medico del Dr. MARCO SURDO ad Alba è il Pap test.
Le donne di età compresa tra i 25 e i 64 anni sono invitate ad eseguire un Pap test ogni 3 anni.
Le donne tra 65 e 75 anni, che non abbiano fatto almeno due Pap test dopo i 50 anni, possono chiedere di partecipare al programma di screening su accesso spontaneo.

 

COME SI ESEGUE UN PAP TEST:

Risultati immagini per IMMAGINI DI PAP TEST

Risultati immagini per IMMAGINI DI PAP TESTRisultati immagini per IMMAGINI DI PAP TEST

Sia le infezioni, che le lesioni che precedono il tumore possono essere asintomatiche, quindi è necessario eseguire alcuni esami specifici per identificarle.

Il Pap-test è un test di screening, perché si effettua anche in donne sane, senza alcun segno di possibile malattia, per individuare precocemente le cellule alterate che col tempo potrebbero evolvere in senso tumorale.

L'introduzione del Pap-test nei programmi di diagnosi precoce ha contribuito alla riduzione della mortalità associata al tumore del collo dell'utero. Per questo, andrebbe eseguito regolarmente, ogni tre anni, da tutte le donne dopo l'inizio dell'attività sessuale o comunque a partire dai 25 anni di età.

Come si esegue: il medico raccoglie con una speciale spatolina alcune cellule dagli strati più superficiali del collo dell'utero e del canale cervicale.

Pap Test

Le cellule prelevate sono strisciate su un vetrino, cosparse di reagente e inviate al laboratorio di analisi.

A cosa serve: l'analisi al microscopio del campione permette di individuare eventuali cellule con caratteristiche pre-tumorali o tumorali e, sulla base del loro grado di atipicità, di stimare il livello di danno tissutale.

Esami di approfondimento

Se il Pap-test non evidenzia lesioni, la donna viene invitata a ripetere l'esame dopo tre anni. Quando, invece, il Pap-test risulta positivo, vale a dire nei casi in cui all'esame citologico è riscontrata la presenza di cellule anomale, è prevista l'esecuzione di esami di approfondimento.

Pap Test Risultati

La donna è invitata a sottoporsi ad una colposcopia. In tal modo, il medico è in grado di confermare la presenza di lesioni, valutarne l'estensione ed eseguire una  biopsia da sottoporre all'esame istologico di conferma.





Cliccando Invia si è presa visione dell'informativa sulla privacy